Canta e impara con Tata Clio

Canta e impara con Tata Clio


Pin It
KidzInMind App per bambini

KidzInMind App per bambini

Entriamo con Clio Bigaro nel nido virtuale di KidzInMind e cantiamo insieme a lei le più famose canzoni per bambini, quelle che ricordano bene anche tutte le mamme. Con Tata Clio si canta e si balla! Classe 1982 sposata e madre di una bimba di 2 anni, Clio Bigaro è laureata in giurisprudenza e laureanda in scienze dell’educazione, oltre che titolare del nido bilingue TATA CLIO a Parma. Da esperta ci racconta il rapporto tra bambini e tecnologia.

“Il mio percorso con i bambini nasce come baby sitter, la passione si è trasformata nel mio lavoro prima con l’apertura di un baby parking nel 2006 poi di un nido nel 2011.

Prima di diventare mamma, come educatrice, ero assolutamente contraria all’uso di dispositivi tecnologici da parte dei più piccoli…Crescendo con mia figlia ho capito che sono entrati a far parte della quotidianità in ogni casa, e che molto difficilmente si riesce ad estraniarli da questi “oggetti proibiti” (anzi più si considerano proibiti e più i bambini sono incuriositi dalla loro scoperta) soprattutto per il largo utilizzo che se ne fa in luoghi pubblici.

Ho cominciato a scoprire le varie app per bambini e ho deciso di partecipare al progetto KidzInMind per la validità delle offerte proposte.

La mia opinione è comunque di limitarne il più possibile l’uso sotto i 3 anni, credo che 10 minuti al giorno siano già tanti, avere delle app a tempo senza pubblicità e con contenuti semplici è stata la mia scelta: puzzle, memory, disegni da fare col ditino, riconoscere la frutta di stagione, le stagioni, gli animali,i colori, i componenti della famiglia, etc..

Oltre i 3 anni il cervello del bambino è già sviluppato e meno condizionabile ( cominciano ad esserci risultati di studi nel settore e chi ha usato tecnologie in età precoce ha maggiori difficoltà di apprendimento) quindi si possono pensare attività più complesse e tempi più lunghi.

Come sempre il giusto compromesso sta nella via di mezzo… nel considerarli come un’attività da proporre se non si hanno altre alternative e non quotidianamente.

Mi rendo conto nella mia nuova condizione di mamma che il tempo è sempre poco ma a volte basta iniziare un gioco insieme perché poi loro continuino in autonomia, il regalo più grande che possiamo fare ai nostri bambini è di non dipendere da nessun gioco all’ultima moda e da nessuna tecnologia ma solo dalla loro fantasia.”

Pin It

+ There are no comments

Add yours